Detection a mo’ d’intervista su True Detective 2, stagione incensata, abbattuta, criticata, disprezzata, osannata, maltrattata, glorificata, calpestata, “uccisa”, aspett(iam)o la fine, la terza o il finalissimo aspramente controverso?

Farrell True Detective 2

Ciao Paolo Carozzani, “fanatico” sfegatato della serie, sin dalla prima con McConaughey & Harrelson. Direi di partire proprio da qui, dal principio delle cose, anzi, da Carcosa.

1) Cosa ti aveva affascinato della prima parte? L’ambientazione nelle paludi della Louisiana, la storia, il satanismo macabro (sot)teso a ogni episodio, l’atmosfera pessimista che vi si respirava, l’angoscia e i tormenti umanistici di Rust, i segmenti onirici e metafisici?

La prima stagione mi ha affascinato per via di quella (mica tanto) sottile angoscia esistenziale, quelle sensazioni leggere ma sempre costanti di soprannaturale quasi lovecraftiano.

2) Con questa nuova stagione, Pizzolatto ha dimostrato di essere uno sceneggiatore coraggioso, audacissimo, senza fronzoli, spiazzando tutti con una trama ancor, possibilmente, più intricata, con la “moltiplicazione” dei personaggi, ben quattro quelli principali, con le “intersezioni” d’uno script “soffuso”, noir, gangsteristico, a suo modo più classico, a mio avviso ancor più raffinato del primo.

Concordi?

Assolutamente sì, mossa molto rischiosa che infatti non ha ripagato al pubblico il buon vecchio Pizzolatto.

3) Quale fra i personaggi, appunto protagonisti di questa seconda serie, ti ha appassionato maggiormente? In quale ti sei identificato di più o per il quale hai fatto, diciamo, il “tifo?”. E perché, se lo sai?

Paradossalmente, per un’opera che mi è piaciuta praticamente quasi solo per i personaggi, non sono riuscito ad identificarmi con nessuno.

Direi che Frank e Ray sono stati quelli che più mi hanno attaccato allo schermo, al di là della prova attoriale elevatissima (e Colin Farrell mi è sempre stato sul cazzo a pelle…), i dialoghi, il carisma dei personaggi, la tragicità delle loro vite…, sublime.

4) Aspetti la terza serie, che dovrebbe debuttare fra un anno e mezzo? Attesa infinita…

E come no… con trepidazione.

5) Se fossi tu il direttore di casting, quali attori ti piacerebbe vedere in True Detective 3?

Bella domanda, mantenendo il trend di “attori che possono dare tanto di più”, ci vedrei un Brad Pitt ora come ora, altri non mi sovvengono alla mente.

 

di Stefano Falotico

 

Lascia un commento

Home Colin Farrell Detection a mo’ d’intervista su True Detective 2, stagione incensata, abbattuta, criticata, disprezzata, osannata, maltrattata, glorificata, calpestata, “uccisa”, aspett(iam)o la fine, la terza o il finalissimo aspramente controverso?
credit