No tweets to display


“The Addiction”, recensione

Succhia, fammi vedere come succhi

Succhia, fammi vedere come succhi

 

Metafore e fori a forbici sanguigne, la forca del Peccato è l’albero del Male, vampirismo opaco in meditazione genetica, (de)generazione consumante traspiranti palpebre nere…


Oh, ansia m’avvolgi in anima sgualcita, sdrucciolante è colar ansimo di mio spettro rapito dalla società ingorda coi suoi dolci coloranti. Oggi, per voluttà inchinata al maledettismo, implori la fuga esistenziale, ostaggio d’un mai rimarginato malessere.

Scont(ent)o che partorisce un mostro e poi il mostro è viscere nel dipingere la vita a ringhiante graffiarti. Scuoi il cuore, pulsa elettromagnetico dinanzi a teorie empiriche che succhi da “vampira”, assetato come te di scibile, sete che sgorga in perpetui deliri, poi vomita l’amaro in (s)concerto non euforico. Come se vibrasse una cauta ma tremenda “forca” amputante i polsi dell’amore per il Mondo. Lo ami e ossequi per un po’, poi te ne distacchi molto, troppo.

Ti estranei, passeggi “zombificato”, atterrito dagli orrori che non puoi guarire. Neanche delle tue “cattive idee” da Travis Bickle.

Tutto si aggiusterà?

No, la febbre sale, sei indemoniato e l’esorcista non debellerà il virus all’apparenza tranquillo ma latente di labbra già avvelenate.

Consunta in viso rinsecchito, preda e ostaggio del desiderio proibito, attratta dai demoni…, sbandi e di saliva vogliosa sbavi.

Questo non è Male, è sentire. Chi sente le emozioni, soffre e si rannicchia, si (rin)chiude nella bara per anestetizzare sia le gioie e sia l’insopprimibile dolore. Forte, bussa quando dormi sonni “profondi”, soffochi di nausea in polmoni urlanti un’ode poetica che l’arroganza tramuterà in odio.

Ti sveglierai, “ramificata” nel buio dei finti loro raggi “solari”.

Gemerai sofferente una solitudine senza confini.

Immagina… studia filosofia per rinsaldare certezze che però, di contraltare…, si potenziano in dubbi agonici, un’altra incognita e altre insonnie dentro suburbane notti malfamate o mai davvero affamate come per gli altri. Sfiata, dai, (non) ce la fai.

Ti sento anch’io. Stiamo morendo. Non frega a nessuno.

Salvami, gua(r)endo con me, amico e amante, Dracula o pagliaccio, iconoclasta o libero da tutte le “caste”.

Incastra la tua lingua fra i canini e l’arcata… dell’elevazione.

Animaleschi, godremo in ferite divoranti. Grida, troia… d’una vita (ba)lorda, balla per me nuda, mangiamo le orge dei veri pervertiti. Non c’è speranza per noi, siamo morti. Siamo (ri)nati così.

Dinastici d’una stirpe di razza, quindi esangui a essere “esaminati” dagli sguardi malvagi, indagati perché la nostra alterità turba la “quiete” dei re(ie)tti. C’estingueranno, non sopravviviamo. Anfibi di (e)rettile ectoplasma, non ci vedono eppure ci sorvegliano, sigillano i nostri cuori nel blindarci di crudeltà.

Scappa con me, scopa qui, no, vaffanculo!

No, non andartene! Nooo!

Dolore, ti voglio! Mi rendi vitalità, reattivo fra chi è spento.

Abbassa le luci, troppo Sole mi brucia.

Siamo drogati di dipendenza dalla vita, purtroppo.

Tentar di fuggire è inutile, è illusione.

Ma questa tentazione è stupenda, macabra eleganza da Nosferatu.

Succhia, fammi vedere come succhi…

 

(Stefano Falotico)

 

 

 

 

Martin Scorsese e la nostra street of dreams, thanks

di Stefano Falotico

Prima parte

La strada dei sogni

Lustrate strade tenui, ad assottigliarsi in tempie logorate nella nostalgia, un Ponte di Brooklyn da cardiopalma emozionale, tinteggia tra sfumate nuvole, che “aggrottano” le tue iridi dentro macerie di uno scratch in fotogramma tuo denso.
Zolfi e splendide tele della fantasia, un Creato che cereo trascolora in amore puro, friabile è il tuo tatto melanconico, un odore sacro d’acri sapori persi, antichità della reminiscenza, trapezio cardiaco d’oscillatoria perseveranza però a non crollare nel Mondo imbarbarito, solfeggi acuti, rimembranze d’uno sputarvi e ridere da matti, ché la società è lacera, logora… e di iattura (non) consola. Il circolo delle chiacchiere, dei cuori tanto bravi a scrivere d’oratori abbracci ed ecumenismo dolce quanto poi sbattere la tua anima in prigionia senza tregua, in cui colerai a picco. Eri spiccante sensibilità che han distrutto, rutti per vaneggiare l’aroma perduto, un caffè da stazione che “sbuffa” in treni a vapore. Un po’ di sale al posto dello zucchero, farneticare per (non) prendere coscienza del nostro Mondo in malora. Crollato, non solo dal sonno. Che ore sono? Prendiamo il primo treno per un posto di merda. Vivremo da stronzi, sempre meglio che perdersi in questo virato bianco e nero stanco, che non vibra più per nulla, non s’emoziona per niente. E a nulla valgono i tuoi sforzi, hai smarrito ogni forza. Forse, sei rinsavito e sei agguerrito, i binari delle tue vene hanno smantellato l’anima o forse l’han temprata, “ammattito” or guidi in carrozza con una principessa che crede in te. Ma è illudersi che sia figa. La vita fa schifo. Fortunatamente, esiste Martin Scorsese. Del resto, chi se ne frega.

 

 

Batman & Catwoman: Batman è tornato, di night, con le “scarpe tutte rotte”, a rompere i coglioni

Catwoman

Prefazione “allarmante”, su “psicopatico Bruce Wayne cazzeggiante, di buon cazzo per Kim Basinger, Michelle Pfeiffer, Nicole Kidman, via dicendo, “oscurerei” Hathaway che mi sta sul “culo”

Notizia da prima pagina, basta col “New York Times” da Spider-Man, quel nerd da me riceverà solo un Kick-Ass. Ah ah.

Dopo assenza (in)giustificata dal suo abitacolo alla Batmobile, il qui presente Batman, causa anche “incidente” involontario che mi “paralizzò” gli arti inferiori, dicasi peraltro (quasi Pearl Harbor, cazzo) farmaci antidepressivi sedanti, ha ripreso a sguinzagliare la macchina, scorrazzando per la Bologna notturna. Sono guai per i cattivi. Li asfalterò.

Se i cattivi vi fanno pena, io “lo” impenno e taglio loro il pene. La mia sex machine non va mai in panne, di panna lustra la carrozzeria “inferiore” nel “reclinabile”

Tu, invece, inchinati e levati di pal(l)e. Dammi il Chinotto, preferisco la “gassosa” del mio gasarmi. Tu, zoccola, finiscila di “succhiarlo” al Limoncello

Ne vedrete delle belle? No, non credo. Vedrete cazz(on)i amari, “volatile” per diabetici al vostro, per dirla alla Banfi Lino. Nessuna scusa, nessuno può “tenermelo” fermo.
Il “mio” depista, oh miei teppisti, dribbla “tortuoso”, tortura a logorarti, spacca, si fionda, inculante è “amatore” a doppio taglio. Ti estraggo l’arma dalle mutande e ti spiaccico di merda che sei.

Signori, e soprattutto “signore”, Batman è tornato a “volteggiarlo”. Striscia come una biscia, lascia l’orma di “mantello”, svergina nel bersele a collo, poi a tracolla ti scotta il didietro. “Tamponando” le tue mal(e)fatte. Batman è colui che, dal buio, spunta per sputarti, ribaltando la tua testa “calda” e avvoltolando, senza bavaglino, i tuoi testicoli. Quindi, sgomma veloce, di “Sorbetto” è sveltina per una sgualdrina da consolar con della spremutona secca, quindi si reca in chiesa, ove si scoperà la milf superiore, molto più bona e da “allungo”. Sull’altare “benedice”, di “ostia” ard(isc)e e di cosce lo scudiscia. Fa godere, ma anche un po’ male perché il “letto” è di marmo, lei ha dei cuscinetti sodi però manca il cuscino morbido. Cristo! Porco Dio! Comunque è della Madonna!

Il prete scopre la ma(ga)gna, ci scomunica e prova a (s)confessarmi. Mi prostro di “crostata” anche alla mela dell’altra suora, al che chiama il Papa e son costretto a dipingergli la “Cappella” come Michelangelo.

Questo è Batman. Uno stronzo. Se ti piaccio bene, se no ti rubo tua moglie.
Donna cat, donna che sa il vero, non ipocrita, donna da piccante cazz’.
Te lo appicca e lì deve pigliarselo.

 

Firmato Stefano Falotico

 

Batman vs Villain

Batman

Come Batman lacerò il silenzio di chi lo “segregò” per altri sei anni di “castigo” e punì violentemente il cattivo, distruggendolo solo nella penombra del terrore…

Serata bollente, d’una vulcanicità da squamare la mia pelle, grintosa s’è adirata di nuovo in vol(t)o d’una maschera “grottesca”, ché sorvolai la nebbia di tal spoglia città, amputando il mio serpente, scuoiandolo in famelico proprio iroso vento delle palpebre mortali, quindi vivifiche al tepore che sigillato cosparse la mia mente di sedazione durata scagionati, imperdonabili anni. Mi scaglierò!

Fermo, immobile, pressoché spossato da tanto dolore ingiusto, perpetratomi da un malsano “iettatore” a cui capitò però il sortilegio della mia maledizione non vinta. Giammai sconfitto in mia adorata e più adornata vita, torturato di massacro “giocoso” a opprimermi ché di “viltà” fui accusato, deriso e scartato come una rotta “scartoffia”, acciufferò presto il colpevole del misfatto “bianco”. Già è iniziato l’inseguimento, stia sul chi va là a scrutare la sua ombra, “civettuolo” sei maligno anche ora che i giochi son fatto o iniziati di rinnovata, implacabile battaglia? Avanti, schivami e altre calunnie racconta. L’avevi studiata d’acume davvero “ingegnoso”, mio bifolco della peggior feccia. Ma, mi “(s)piace” deluderti, il “morto” cammina, osso duro ti sta sgranocchiando. Promettimi di non inventarne altre, crudo sei mangiato e lo sai.

Sotto te la fai, e non ti servirà l’estrema unzione per infrangere altro mio ardore. Dal seppellito “cadavere”, un odore acre s’è “vanitosamente” impossessato del tuo corpo adesso spa(u)rito. Ancora offendi o arretrerai ché, già tremato in urla tue atterrite di ghiaccio, ti sei “impresso” lo stesso suicidio che hai, invano, (at)tentato? Sì, attento stai, t’avvisai e sono qui sempre ad avvistarti. Sei tormentato d’avvisaglie “buone” come le tue ferali carezze, non arrenderti sulla difensiva. Scalda l’ambiente della tua anima, demente.

Perché ora capirai la parola sofferenza. Qui, prega per te, Dio s’eleverà a giudice inappellabile e spellerà ogni lembo sudato del tuo maiale. Posso osare d’altrettanto, parimenti osé, mia oscenità incarnata?

T’avvertii di non scuotermi ma, di percosse perfino… e per “segno” fisiche, tu insistetti perché me la bevessi. Per poi recarti a brindare, tutto altezzoso e “brillante”, con le tue troiette anali. Oh, come a fette fai e disfi a “piacimento”. Che pastrocchio! Ti posso cavare gli occhi, animale?

Così, l’escogitasti “bellissima”, da dedicarti un monumento in piazza con tanto farti… impazzire. La tua testa appesa strapazzerò, si chiama trapezio isoscele, oh mio pezzente, oppure spezzarti l’ultima golosità in maniera (r)affinata e cotto tuo al dente? Non ardire a fermarmi. La storia la conosci, d’altre umiliazioni la riverberasti e, quando la mia rabbia si placò, più crudele la combinasti. Provando anche, di tua combriccola plagiata, a ledere di maggiore invidia come l’unione facciamolo… di “forza”. Che branco. Gnam gnam.

Prima (s)colpisti sulla mia “verginità” con allusioni ché, d’illuso, potessi bloccare lo spirito risorto in amor proprio. Poi, non “soddisfatto” da tanta tua vigliacca pusillanimità, aspettasti che (re)agissi per “gradire” la tua malferma, brutt’azione. Per sporcare le altrui reputazioni, la mia soprattutto e “sottomessa”, continuare nello spuntino con le tue pute, affilando il punteruolo nella piaga in modo che non potessi più spuntarla e puntarti. Preso di mira d’invertito… reato.

Stasera ho ripreso a “tambureggiare” con la mia macchina. Il tuo amicone ha intravisto qualcosa da dietro il velo della sua finestra “vetrata”. Appena m’ha scorto, scommettiamo che s’è sentito dentro scorticare? Non ho mosso un dito. Sono uscito dall’autovettura, parcheggiando perfettamente di allineamento, ho “sganciato” la mia sigaretta in bocca gustosa. “Fumandomi” il gusto “rancido” della vendetta.

Non puoi più nulla. E io non ti toccherò. Non graffio, non mangio. Sai che non dormo mai, vero?

Ecco, quando la Luna è piena, le tue lenzuola sei sicuro che riempirai col sangue d’una tua donna o s’intrideranno, “gravide” e stridentissime, di dissanguamento solo ai tuoi “personali”.

Sì, sono sporchi affari. Non interessano a nessuno. Tranne a me. Di solito, dopo il me ci sta il te… o volevi una tazza di amaro caffè?

Ciao. La paura non fa sempre novanta, ricordatelo. A volte, appena svolti, puoi incrociare un frontale d’uno che va ai 200 all’ora. Udirai appena un urto. Non morirai subito. Centrerò le tue gambe.

Poi, verrò trovarti in ospedale, oliando la sedia a rotelle della tua carrozz(in)a. Sai, tua madre sarà già morta quando succederà. Le infermiere non possono neanche farti un massaggino, il fegato è col(leg)ato agli arti recisi, quindi neanche un pompino.

Oh mio bravo “bambino”. Dopo l’olio, vuoi il ciuccio? Ah, scusa. Sei un “topo” da pub(e). Ti ficco la cannuccia.

E ora succhia.

 
Firmato Stefano Falotico

 

David Cronenberg contro Kubrick

Ciao, come va?

Ciao, come va?

Ah ah!

Ah ah!

 

David Cronenberg è impazzito? Attacca frontalmente Kubrick e Shining, non mento, siamo nella mente del regista canadese…


Credo di essere un regista molto più intimo e personale di Kubrick. Lui non ha mai capito veramente il genere horror ed ecco perché trovo che Shining non sia un grande film. Non credo che Kubrick avesse capito fino in fondo ciò che stava facendo. Il libro era pieno di immagini suggestive ma lui non credo che le abbia sentite veramente.

Le faide fra registi m’affascinano. Qui, David lo “screanzato” assomiglia a me. Sarà che sono cronenberghiano? Sì, un naked lunch vivente come il nostro che angoscia, “stupra” i nitrati d’argento, enuclea, “denuncia”, sbotta, s’incazza, spara su Nolan e su Batman come il miglior cattivo, fottendosene del “pipistrello”.

David ti adoro. Sei come me. Non ti risparmi, giochi al provocatore “joker” e, quando gli altri pen(s)ano d’averti (inc)castrato, incasellato, studiato e “lobotomizzato”, tu te ne salti con un’altra inchiappettata. Ficcante, che non molla gli osso… buch(erellant)i, misogino ti acclari con spudoratezza, piglierai Julianne Moore fra le gambe da “ginecologo” salvo conati di vomito dello spettatore medio, abituato ai “varietà” del cazzo!
Mappi le tue “star”. Superi tutte le tappe, le tope, depisti, rassodi i culetti, le sbatacchi, li meni, clinico tu “congeli”, saluti senza un cortese congedo, non offri a nessuno la cena e pisci “fuori dal vaso” con tanto di patta aperta, pochi patti, ma “cerniera” lunga.
Tu sei un volpone.

La scorsa settimana, secondo un (pres)unto studio scientifico, la scena in cui Jack “Torrance” Nicholson sfascia la porta del bagno dell’Overlook Hotel, s’affaccia con far da lupone e grida “Here’s Johnny!”, è la più spaventosa, scariest di tutti i tempi.

Ora, a ben vedere, ha ragione David. Se “focalizziamo” di fermissino-immagine sulla “dentiera” di Jack, notiamo infatti una micro carie sul canino. Ciò a dimostrare, nonostante il monster tratto da King, che Kubrick era un perfezionista ma non un dentista.
Ed è per questo che si “accanì” appunto sul “dottore” Cruise di Eyes Wide Shut.
“Slabbrandolo” di capriccio da chi (non) perde il vizio ma, nonostante i regalini da ricco “orefice”, l’orifizio della Kidman. Una da “ciambelle” al marinaio. Ah ah.

Diciamocela. David conosce il suo uccello. Kubrick era un misantropo e un impotente.
Fra l’altro, è morto e, da postumo, non può proprio niente.

Firmato il Genius
(Stefano Falotico)

  1. Maps to the Stars (2013)
  2. Shining (1980)
  3. Il pasto nudo (1992)

 

 

“Il commissario Lo Gatto”, recensione

Sentimi bene, paraculetto

Sentimi bene, paraculetto

L’affare si complica, la pist(ol)a si allunga… ma Lo Gatto è una “belva Si ha uno strano senso della morale e una strana morale dei sensi… dunque dei seni, delle insinuazioni, degli intrighi, dei depistaggi, degli scenari inventati, del Vaticano e del Papa con l’alibi dei lanzichenecchi, di Andreotti più gobbo della solita Italietta di mafiette, Favignana, isola di bagnini a(ni)matori con il “sangue alla testa”, un Craxi nel finale caricaturale su Thatcher di ferro ad “aspirapolvere” come canna… format televisivo d’attentato. Un’avventura tragicomica come la valigia piena di rabbia per dirla alla Natale/Lino, all’anagrafe Pasquale, sempre infelice, ruspante e verace di meridionalità “al dente”, raffinato come un Micheli sciancato fra equivoci e un piede equino, Vito Ragusa trapiantato da Trapani d’accento torinese su eco… terrone in “rose”. Il film si basa sul carisma pugnace e pugliese del duttile Lino, commediante che massaggia la sua capa con ire da noce di capocollo celeberrima. Qui, la vittima (non) morta ammazzata è Wilma Cerulli, la Russinova Isabella proprio tinta di rosso versione Milva. Sgamba di cosce su figa intravista nel bazooka dell’armatore, mentre Banfi è “incasinamento” fra scimuniti rimbambiti con violini Stradivari, un alberghetto “bruciante” fiamme peccaminose di tre donne da Mario Puzo, forse puzzolenti ma “tanto” affettuose, di “zucchero” calienti e un Ferrini nella parte di Gridelli, “Watson” d’un elementare Dino Risi efficace. Le musichette leggere e “rinfrescanti” da hit anni 80… ecco che “allietano” l’operetta, scaldano la prevedibilità ambient del Sud brullo, con carotide della Madonna per ingrediente one man show in Banfi “manesco” eppure deduttivo quanto un idiota. Dino Risi dirige e sceneggia le scenette con Enrico Vanzina di “penna”. Poteva essere un grande film, le cessioni alla grana grossa si salvano grazie alla “classe” comunque unica d’un Banfi appunto strepitoso, che sorregge la baracca rocambolesca, la puttanata fra vacconi con la sua verve mimica, si catapulta in una storiella più piccola e grande di lui, regge la pancia degli spettatori da istrione abbronzante con stronzate memorabili. Un film che, nonostante il suo “nulla”, “indriga” per dirla alla Micheli. Vado ora a sciacquarmi le (s)palle. Anzi, la pelle. Eh eh, sono banfianesco! (Stefano Falotico)    

 

“King of New York”, recensione

No Redemption

No Redemption

Vampiro e licantropo regale che implora pietas in spettrali danze funerarie

Frank White, un cognome “impressionato” a cerea maschera walkeniana, vulcanica d’ire inespresse e “incenerite”, espressivo solo se “acciglia” la fronte a inaridito temprarla nei rimpianti. A detonare, incantato e taciturno su eloquenza enigmatica, immensa dello Sguardo. Attore che “stordisce” il suo stesso immortalarsi in congenito essere.
Christopher Walken appunto, emblema vivente d’ogni “verginità” ambigua dell’anima, “angosciata” in un viso angelico ma dalle iridi diaboliche se, scalfito nell’anima, ringhia in profondità d’un Cuore tormentato, “morde” le sue bianche, “efebiche” labbra imprigionandole da maledetto dentro iridi cangevoli, sintonia tensiva dei chiaroscuri “cimiteriali” da serpente Nosferatu.
Chris è la carne pulsante, traspirante palpebre raffinate, affinata nelle “penombre” sanguinarie del profetico Diavolo in lui “represso” e poi, con repentini “singhiozzi”, esplosivo in velocità “ballerina” su gestualità irrequieta, movenza felina del corpus attoriale che ogni prestigioso cineasta può “modellare” dalla già radice sacrale d’un ardently succhiarlo a pelle. Con quegli occhi, un regista può sbizzarrirsi di zoom dentro fantastici frame che possono durare un intero film, (dis)integrarlo alle mille fratture del suo e loro improvviso mutare e viverlo d’un plasmarlo “intoccabilmente”, senza violarlo, per fiammeggiare incognite incisive dalle impalpabili intensità. Un corvo, un falco, un cacciatore, un non morto, un cherubino col lungo strascico da Principe Vlad, una dead zone spudoratamente magnetica. Chris Walken, il fascino della Notte più nera, dunque lucente come i migliori incubi.
Un volto elettrizzante, stupendo, né Uomo né Donna, forse Dio.
Forse il Cristo che avrebbe voluto Pasolini, forse quello de L’ultima tentazione… di Scorsese.  Martin Scorsese, infatti, aveva designato lui per incarnare proprio Cristo ma trascorsero dieci anni circa prima che la Temptation fosse “concretizzata”, e optò per Willem Dafoe. Harvey Keitel fu Giuda, poi cattivo tenente e ossessione-pupillo di Abel Ferrara, e non è un caso che i tre attori preferiti del nostro “Abele” siano proprio Keitel, Dafoe e appunto Walken.
Oggi, veniamo ad apprendere che Ferrara vuole girare un biopic sui generis incentrato sulla figura controversa, “peccante” di Pasolini, con Dafoe nella parte del “Messia” Pier Paolo.
Se Walken fosse stato più giovane, avrebbe scelto lui. Ne sono certo.
Chi meglio di Frank White? In questo capolavoro stupefacente, scritto da un illuminato Nicholas St. John, v’è in nuce sviscerante tutta la “filosofia cristologica”, tragica di entrambe le carriere. La summa, la vetta, l’apice spaventoso che (non) rinasce!
Un fantasma ritorna a “vivere”, è di nuovo in “libertà”. Un ex boss della droga nella ferrariana Carlito’s Way. Se De Palma fu romantico nel Pacino da point of no return, Abel non ama le retorica, quindi possibilmente lo è ancora di più.
Frank è cambiato (?), appare di schiena, si volta e si mostra ancora bellissimo. Quasi più invisibile e ringiovanito. Come il Dracula, appunto, di Francis Ford Coppola.
Non gli è bastata la dura lezione di vita ed essere finito in prigione. Vuole rimettersi a far soldi, però onestamente. Se Carlito aprì un locale per gente “dabbene”, bevendosi un sogno impossibile, Frank vuole strafare, proprio “santificarsi”. Perdonarsi, allontanarsi deagli errori d’un Passato, che non cancellerà mai e lo sa soffrendo come un cane, ma desidera “fermare” a innalzarsi, utopia cosciente, in monumento esistenziale da lui incorporato sulla beatitudine stronza. Con i proventi degli sporchi affari, ha intenzione di aprire un ospedale per i “lebbrosi”. Proprio Lucifero a cristologico divinizzare un destino bastardo, le sue origini sfortunate da figlio “cattivo” del Bronx, che vuole compiere un “miracolo” per fors’ascendere nel Paradiso di un’anima condannata dalla nascita.
Il film non ha “trama”, tutto è un pretesto di sottintesi, inganni, sottotesti dialogici memorabili, tutto è angosciante.
Tutto è silenzi. Morte in ogni vicolo cieco, in ogni sparo.
Non c’è scampo.
La vita di un “martire” è illusione. Come quella del padrone dell’Inferno.
Può inventarle tutte per smacchiarsi la reputazione e chiedere scusa al Creatore.
Ma nessuno gli crede…

(Stefano Falotico)

 

Corridoi bui

Corridoi bui

 

 

Il tassista di night

Bang bang, succhiate!

Bang bang, succhiate!

Eclissi con occhiali da Sole, fosforescenti al blu in macchina senza Ray-Ban

Vivo la vita all’insegna, anche al neon, d’un turbinante jeans sfrenato, lacero in sgommate sfrenate e pimpanti, sgommo di Luna tiepida e incastro la mente nell’arco a 360 del volante, svoltando d’imprevedibilità disarmante. A molti sto antipatico, fa parte della mia carrozzeria la gelosia che sortisce maggior carburare forza. Più tormentano e più li scaravento, arroventandomi in clandestinità voraci della mia machine sensuale, su iridi sfamate di nuovi e più turgidi asfalti. Sfido le nebbie dei vostri peccati, amputo i dolori di questa generazione balorda, schizzo d’angosce lieve nell’incrociar malandrino cosce svenevoli, entro cui vengo con stile “violento” e faccia smargiassa d’avvenenza come il culo. “Tagliato con l’accetta”, strappo il vestito della (con)senziente e gravitiamo planetari nell’amabile onta ondulatoria delle accelerate intermezzate fra un orgasmo imbarazzante e altro spingere di più foga.

Lei piange di piacere, io spengo la sigaretta focosa nel suo “braciere”, poi smaltisco la cenere dello sperma in rilassato posacenere scacciapensieri. Lei, non ancor’appagata, nonostante il mio indubbio “lucidarla”, chiede allora un amplesso al diesel, grida al settimo cielo, aspira la mia pompa e l’innaffio di benzina. Si sa, se getti acqua la spegni, se “cali” la miccia, esplode.

Quindi, accendo la luce e la lascio masturbarsi, credo fosse una ninfomane. Di mio, ora m’aspetta un caffè laconico al motel dal nome “Fuck You”, famosa locanda ove troverò la mia vera amata. Cioè la multa per eccesso di velocità. Già, sterzai “tortuoso” nelle sue curve pericolose, mi segnalò alla stradale ma mi scopai la colonnella di buona gonna e “distintivo”.

Scusate, ho esagerato. Se v’è parsa una stronzata, no, non lo è. Sono state conclamate scopate. Di quelle che un giorno vi ricorderete. Vi conosco, brutti stronzi.

Nell’ambiente mi chiamano Prince, vesto giubbotto da meccanico con aquila a forma di tatuaggio ficcata nei tuoi occhi.

 
Firmato il Genius, Stefano Falotico

 

 
credit