No tweets to display


“Zodiac”, recensione

 

Luci e ombre

Luci e ombre

Cos’è l’angoscia? L’angoscia è la paura inconscia che l’uomo nero possa intralciare la tua serenità, ferendo mortalmente crudo e strategico, poi sparendo, eclissando(ci)

David Fincher ama le “ambientazioni” claustrofobiche, assurge a paladino dei soffocamenti al “nylon” dell’inquadratura, plana panic room dentro le anime dei suoi personaggi, deflora l’Eros in Thanatos marcescente, forgia di lucentezza i suoi eroi solitari nel diaframma polmonare di un’apnea respirativa da raggelar il sangue.
Dai corridoi neri di Alien³ ai combattimenti clandestini di Fight Club, dagli hide and seek d’un fin troppo studiato The Game, gioco psicologico appunto dalla mirabile, impeccabile, “pruriginosa” confezione però finalizzata solo a un’insopportabile “finezza” concentrica, fintamente ludica e piena zeppa, quindi zoppa, nei troppi buchi esangui d’un Cinema acerbo, dal “torturante” Seven, apice di sobrietà puramente thriller nella suspense diabolica in progress acuirsi, acutizzarti…, come un Purgatorio infernale senza catarsi idilliaca ma discesa sol che più profonda e lapidaria, quasi alla Friedkin “saturo” di contemporaneità alla fin fine poco “malvagia”, meno perturbante nel suo programmatico (non) essere prevedibile, dalla meticolosità entomologica dei social network pretestuosi ma calibrati per l’Oscar della “consacrazione”, è in questo capolavoro che aggiusta il tiro in “maniera”, e non manierismo, secchissimo, (s)tremante, da inalarci sospiri di “sollievo” stuprati dall’amputazione della requie. Un mozzafiato, perenne, insistito, “esagerato” inseguimento strozzato, sterilizzato in mis(t)ura perfetta.
Il film è già la locandina originale che mette i brividi, nebbiosa, languidamente tatuata nel marchio d’un serial killer “trasparente” ma impercettibile “a occhio nudo”. Amara, a martoriarci.
Lo capti, aguzzi le iridi ma t’acceca in silente abbacinarti di sangue “teso”, raschiato nella tua anima per sempre. Non si cancella il Male, è l’apoteosi estremizzata delle teorie di Nietzsche, la forza segregata, nelle cripte dell’omertà, che si ridesta come un lupo cattivo e strangola, da mostro “antropomorfo”, dai labili contorni “identikit”, le “fragole” dei boschi “mansueti”. Ove le coppie appartate si sbaciucchiano, forse illuse o dimentiche che il Mondo non è regnato, in to(s)to d’angeli amorevoli.

No, purtroppo, ci sono i mostri. Solo la gente in gamba n’è consapevole. E per questo ha paura… ha paura che il vicino di casa, che ti offre lo “zucchero”, possa stuprare tuo figlio minorenne quando gli chiederai d’accudirlo perché sei impegnato col tuo lavoro. Il mostro lo terrà a “bada”, uccidendolo nel mystic river d’una ferita traumatica inguaribile da “incubatrice”, allucinante proprio incubo “fragile” che s’affievolirà dietro taumaturgiche “pozioni” di felicità a sortire solo l’effetto de­leterio dell’urlo da mutato tuo licantropo, morso che detonerà dinanzi a una Luna troppo “lucida” per luccicare nel Cuore divorato dal cannibale. Forse, è morto, il dolore hai sigillato, l’hai celato nelle fratture ricucite d’una paciosa maschera ma “addenta” d’altra lagrima opaca a vitr(e)o tuo umano che fu inghiottito prima di “nascerlo”.
Ti “partorì” nel suo graffio, trasmise il seme del Diavolo, baciandoti “carezzevolmente” sulle rubine guance.

Così è Zodiac. In questo vertice paradigmatico che trasgredisce la “logica” della “soluzione… di continuità”, poggia la sua grandezza.
Il “solito” maniaco, mica tanto. Uno dei più famosi della criminologia.
A tutt’oggi, la sua identità è stata sì dedotta dagli “esperti”, ma non è cert(ezz)a.
Fincher passa quasi tre ore a raccontarci la cattura (im)possibile, svia fin dall’inizio.
C’aspettiamo il già visto. Il mostro infatti, come da copione, colpisce senza volto, coperto nella penombra d’una fotografia da cardiopalma nightmare.
Trascorre un po’ di Tempo, anche la clessidra del minutaggio della pellicola, e… tic tac, bussa alla luce del (tras)colorito Sole, in un picnic dolce e scacciapensieri, di nuovo l’uomo nero, in senso figurato e proprio d’abito per come (non) ci appare.
Partono le indagini. Interminabili, da sfiancarci, Fincher si “disinteressa” del cattivo improvvisamente, centra la mira sulle dinamiche fra i personaggi. Chi molla, chi va a vivere lontano perché stanco, non solo dell’orrore del caso, distrutto dai suoi casini, chi ambizioso e giovane persevera “ingenuo” con scaltrezza da regalargli il premio come coglione dell’anno.
Perché, anche dovesse beccarlo, è già diventato William Petersen di Manhunter. Troppo bravo. Che stupido. Che cosa si aspetta?
Il mostro l’ha contaminato, è quasi appunto un Cruising.
Il resto angoscia, non visualizziamo nessun altro omicidio o arresto. O forse sì, chi lo sa? Potrebbe essere quel tizio tozzo nel magazzino, potrebbe anche non essere lui. Ed è qui che il Mondo fa paura.
Potrebbe essere chiunque…

 

(Stefano Falotico)

 

 

“Batman Begins”, recensione

Io vi fotto e vi tolgo la maschera!

Io vi fotto e vi tolgo la maschera!

Occhi neri, imbrunenti… nello squagliarsi verecondi in meraviglia infiammata

Chi è Batman? Ognuno ne “apportò” la sua versione cinematografica. Burton, col suo carico d’ambiguità plasmata nella cenere mascherante d’un Michael Keaton fuori ruolo eppur aderente in simbiosi carismatica d’uno spiritello gaglioffo, ironico con picchi feroci melodrammatici al viso “scagliato”, irridente su beffard’agonia cangiante di labbra sfumate, contro la vetusta Gotham City, città di pur’invenzione peccaminosa impressa nel magma creativo da cineasta notturno affiliato alle ombre laconiche dentro i pianti dei “diversi”, Joel Schumacher, che trovò in tale creatura fantastica la valvola di sfogo dell’ennesima variazione collegata al reazionario inguaribile del suo fascismo cronico, pittando innanzitutto Val Kilmer nel peggior “pipistrello” (mai) visto e poi Clooney nell’odioso belloccio che disprezzai prima che s’evolvesse e volasse appunto più alto in regie “imp(r)egnate”, prima che la sua carriera impennasse sull’acuito, insospettato raffinare le sue guanciotte da bello “amabile”. Dannato non è, si dona da dietro la macchina da presa nei “colpetti” d’annata.
Poi, fu la volta dell’ipercelebrato Nolan, che trasformò il camaleonte Bale in psycho irresistibile, travolgendo stroboscopicamente di nerezza le strade ferine su Gordon/Oldman “caliente” in “triste” disillusione marlowiana, e partorì dal cilindro il Ledger “postumo” nella defunta gloria dell’interpretazione storica. Parossistica di “linguetta” serpentesca, diabolico matterello borderline a metà fra dargli un bacio in fronte o spaccargli il grugno assieme al trucco (s)col(l)ante d’uno sbavato odio misto all’adorarlo ché, in trono, cazzeggi di “terrorismo” a man bassa e armata. Dio, da scopare tutta la vita una “merda” di questo faccino, fascinoso al sangue e cicatrici coperte di “bianco”.
Villain cattivissimo, stronzo per eccellenza, vale da sé il prezzo del biglietto e di questo 2 Novembre da carro dei morti. Ove le vecchiette si recano al cimitero dei loro persi amati, fra un ospizio della “felice” libera uscita in “licenza” di “festeggiare” con accompagnatore infermieristico, madri “decedute” dopo la scomparsa del figlio o di quel porco del marito, a cui chiesero il divorzio, previo tradimenti (non) perdonati ma reiterati del suo malandrino “tirarselo” boccaccesco tra un lavoro per campare e una campagnola sui viali ad an(nu)ale, poco “anulare” ma vicino alle complanari, al di fuori del lecito, “rango” sociale… ah ah. C’è poco da (com)piangere. Oggi muori tu, domani è vita mea.
Anche se, per resistere, hai bisogno d’una scorta infinita di Tachipirina e aspirine in cas(c)o d’emicrania. Una vita “analgesica”, dove devi calcolare l’algebra “radicale” delle re(l)azioni interpersonali, delle ragazze che vogliono di “tutta punta” leccarti l’uccellone ma a cui devi offrire dei ceffoni e molte pedate nel popò, un direttore masturbatore sulle chiappe della segretaria “tuttofare” nei pressi del “termosifone” e stampante “tastante-ergonomica”, forse “reclinabile” di ultime cartucce pastrocchianti nello “scarabocchiarla” dietro lauta, lardosa tredicesima e pochi “centimetri” dell’inculata pur a doppio taglio “benefico” in figa (cor)rotta, delle regole da tutti trasgredite nell’intimità domestica ma poi su(p)ine, come dico io, dinanzi alla falsa morale dell’ipocrisia buonista. Non addomesticatevi! Si sa, deovete sostenervi e mantenere la temperatura “ambiente” per non crollare nella demenza. Andate a cagare!

Ma di Batman mai nessuno ha dato una versione falotica, aggettivo femminile in mio maschio invincibile di stravaganza, fantasticheria, stramba e fottuta spudoratezza.
Il vero Batman abita nella cittadina con le due Torri, una pendente e “tremante” quasi “macerante” quando cadrà sullo sfigato di turno, quindi di urna (e qui torniamo alla Certosa), l’altra svettante come le cosce di “finezza” inguainate della professoressa ai “cazzi suoi”. Quella sa come bacchettare i suoi studenti, facendoli sudare nei compiti onanistici da “virtuosi”.

Batman è uno psicopatico, è conclamato, attestato da molte “diagnosi” arrestanti, acclaratissime con tanto di trattamenti sanitari obbligatori, annesse le psichiatre che ne han goduto la “saliva”… fra una conversazione curativa e un culo a mandarle “a monta” da melanconico senza “fronte”.

Batman vive infatti, dalla nascita, in uno status tutto suo, senza statuti istituzionali, perché non scende a patti con nessuno. Solo con Catwoman fa calare la patta e, quatto quatto, le fa la gatta… ah ah. Ad Anne Hathaway, preferisce di gran “lungo” il culo di Michelle Pfeiffer. Sì, con Michelle è più “ferreo”, meno “infermo” nonostante lo scalmani.
Lei si scalda, raggiunge l’orgasmo in vestitino da “Crazy Horse” su grattar la doppia “corazza” di Wayne perché “viene” solo dietro stimolazione sadomaso.
Batman è uno stronzo, il Joker mangia in un sol boccone e poi gli versa dei bicchieri d’acqua rovente se ancora il clown vuole vessarlo con intimidazioni e minacce.
La mina vagante è Batman, deve ricordarselo, non ci sono altri uccelli che possano tenere, da cui la nomea ineludibile “L’Uomo pipistrello”, appunt(it)o. Colui che ti piglia le palline e le fa roteare come il tuo pagliaccio.

Ora, qui stiamo parlando de Il cavaliere oscuro. Avrei dovuto parlare della “genesi?”.
Basta con la cronologia. Io sono diegetica a modo mio, fuori tema, in nessun posto, forse nel tuo…

(Stefano Falotico)

 

Stefano Falotico

(Stefano Falotico)

 

“L’esorcista”, recensione

Attento Max!

Attento Max!

Suoni gracchianti d’intrepida nebbia ad anima nera e blasfema

Friedkin, un nome ch’aleggia sinuoso in mio stordirmi nervoso, fremito scrosciante di ruvid’astrazioni da sonnambulo. Quando, fra i cuscini “stracciati” della mia dormienza apparente, mi ridesto su palpebre dal crepitio famelico, ossessionato a inseguire le ombre “malevole” delle notti “smargiasse”. Mi profumo d’incubi e schivo ancora la goliardia di questa città da me ripudiata, ché gorgheggia soltanto in goliardie vanesie, “innalzate” a calici volgari d’una irreligiosità dell’anima. Sono ateo e non m’aspetto nulla dalla vita, in quanto nichilista alato, evoluzione che ha sorvolato le inezie prodighe alla carnalità più bieca e truffaldina dell’esistenza vera. Odio i vostri “gusti” golosi, la mia leggiadria isso gloriosa e nessuno può smorzare l’onnipotenza febbrile di tal (im)permeabile scivolarmi nei lucidi “alberi” d’un aggrovigliato Cuore superbo, spaccatutto in disossarsi angoscioso, “lurido” in venerato avorio del mio Tempo ignoto e lustrato.
Luciferino, scheggio le nuvole dei plumbei tramonti, m’accascio a (di)letto e imbevo i miei sogni di nostalgia vivifica. Urtico le mie iridi ottenebrate in guaito a vegliare su di voi, i morti viventi sempre “svegli” quando invece mi parete fredde “pareti” già insanguinate dentro cimiteri ovattati da un becchino che succhia il seno flaccido d’una grassa, laida puttana “indiavolata”.
Ieri, avete festeggiato e ricordato l’anniversario della morte di Fellini. A costui sputo in faccia, ché morisse seppellito di più e coperto di fango. Il suo “cinema” era, semmai lo fu in quanto per me non lo è mai stato (e non voglio ridestarmi a rivalutarlo), provinciale, adattato all’allattamento delle sue (s)manie sessuali inappagate, circoscritto al prepuzio sudato, sudicio della sua ombelicale misoginia camuffata d’amore per le donn(acc)e.
Fellini è identico a questa zona “erogena” in cui son nato, e Dio mi salvi da tale sfortunata ubicazione originata nel Sant’Orsola, ospedale del reparto maternità ove venivan partoriti appunto i figli delle madri abitanti in odiata, schifosa Bologna. “Capoluogo” di merde che sbevacchiano sotto portici “morbosi”, remoti dalla mia decadenza sprofondante gioiosamente, sì, questa è vita, la maledizione perpetua.
A rinnovarsi ogni dì, per ardere e darvele!
Fellini e le sue “dolci” vite ad allen(t)are la sua noia, come dico io, il sen(s)o dei suoi complessi di Edipo (ir)risolti e irrisori. Lo derido apertamente e, anche ora ch’è defunto, in questo “Ognissanti”, lo sbeffeggio analmente.
Fellini e la sua Fontana di Trevi con Mastroianni patetico che chiede “venia” alla troiona Ekberg, che gli sussurra un “canzonatorio”, incitante… “come”… come here Marcello.
Che suona proprio come, fra cascate e frizzanti bollicine, tira fuori l’uccello…
Che schifo! Si vergogni, “ma(e)stro” del cazzo.
Poi, qui nella Romagna “emiliana”, quando d’accento strascicato pronunciano Fellini, sembra che “dicano” (espressione di cui abusano) Filini, sì, come il ragionierino Filini della saga fantozziana.

Fellini vs Friedkin. Udite e palpatene d’orecchie, per intendere, la differenza.
Captate “Fellini” e ficcatelo dinanzi al mille volte più melodico “Friedkin”.
Tutta un’altra storia. A me va a genio William. Si fotta Federico.
Fellini non ha inventato nulla, ha cazzeggiato di già letto e visto in “vitelloneggiare” sempre a rammemorarci la sua inutile “gioventù” vecchissima. Un panzone che “bomboloneneggiava” di ricordi che “scorno”. E lo sbatto… sottoterra con pinze e senza “pinzimoni”. Vaffanculo, flatulente essere immondo!

Friedkin t’incula!

Da ritrovamenti archeologici, anche delle leggende popolari, ecco il demone Pazuzu che viene “scoperchiato” come il vaso di Pandora.
Un’attrice,  Chris MacNeil (Ellen Burstyn) si trova là ove il Diavolo è stato “disturbato”… per le riprese di un film. Ha portato anche la figlia minorenne.
Ritorna(no) nella loro bella villa in quel di Georgetown. Da allora, succedono eventi orribili. La figlia mostra segni di “pazzia”, appare cambiata improvvisamente senza raziocinio psichiatrico che possa reggere. Quindi, non prende sonno, si dimena oscenamente e un pervasivo, strano sentore “cattivo” stritola la madre in un dubbio che, pian piano terrorizzandola, assumerà “certezza” assoluta.
La figlia pare essere posseduta. La madre è scettica, è una donna colta e non crede a queste “robe”. Ma sarà costretta a convincersene dinanzi al vero insostenibile.
Al che, come ultima “spiaggia”, chiama un esorcista. L’esorcista l’escogita tutte ma non ne cava un “ragno”, anzi il buco della figa la figlia trafigge col crocefisso, bestemmiando con voce virile contro Cristo!
Il decano Padre Lankaster Merrin, qui incarnato nel volto mortifero, da Settimo sigillo, del grande Max von Sydow, è impotente di fronte a questo.
La figlia è sempre più mostruosa, nonostante tutto.

Nel frattempo delle urla, un altro esorcista, giovane e con alle spalle un caso simile di possessione, è entrato nel gioco… del demonio.
Ma entrambi, Cristo Santo, non riescono a debellare il Male. Fin a quando il Diavolo prende davvero il sopravvento e ammazza d’infarto il “vecchio”.
Sconvolto, ucciso dalla paura, il giovane esorcista si scaglia contro la ragazza e implora Satana affinché entri nel suo corpo. Satana, gran figlio di puttana, lo soddisfa seduta (spiritica) stante. Appena l’esorcista s’accorge che la sua anima è stata violata, per non ferire la ragazza, si suicida, gettandosi dalla finestra.
Passano le stagioni… la madre e la figlia, Regan, vanno a vivere a Los Angeles, patria dei “sogni” e di Hollywood… per provare a scagionare l’incubo.
Ma qualcosa, nei loro occhi, è impresso di orrido “amarcord”.

Ecco, poi ditemi se Friedkin non ne sa una più del Diavolo rispetto a quel borghesuccio del Fellini.

(Stefano Falotico)

L'esorcistaL'esorcista 2

 

 

 

“Il mistero di Sleepy Hollow”, recensione

Night is Burton!

Night is Burton!

 

Ogni mister(y) è un Illuminato e va svelato, attento al cavaliere senza testa che svelto (de)capita

Poesia di mio zuccone:

la zucca non è una fata Turchina,
è una strega maledetta d’arpionare in quant’arpia,
ella saccheggia di (c)alza a pennello e di carbone va annerita,
sfilandole i calzoni e mostrandoglielo “mostruoso”,
infil(z)ante di “caramello” e,
nel bruciarla…,
rintuzzar quel che,
rizzante,
la sua prosapia da zietta zittisce,
poi,
(de)fluendola in spada fosforescente,
arrugginendo ruggente
di acquaragia nel gracchio non radioso,
lo estrae ancor ardendosi
ché,
la vecchiaccia non attizza
il tuo strizzato giovincello tizzone volenteroso

Stizzendoti,
intirizzita non ti svezzò,
strisciò ma non la sradicasti
dal suo marcio guscio
e,
pentendoti di generoso dat(tter)o penetrante
ma non permeandola,
ti smarrisci per altre  impervie selve oscure,
come blair witch project,
spaventato dall’orrida asprezza
della sua avvelenante mela
a tua quercia disboscata da tal olezzo,
imboccando la via mesta fra un dartela a gambe
per salvarti la pellaccia
fra erbe,
forse droganti,
meglio comunque dell’acida senza canestro,
meglio,
sì,
la fragola campestre,
forse sarà un fungo ancor più deludente
ma questa puzza
e
ti ammoscia il pelo
per impianto tricologico
ai limiti del vomito

Tale componimento falotico è da tutti i bambini recitato a memoria al grido ululante di questa Notte di Halloween nell’ormai famosissimo motto dell’“Ammazza… quanto sei brutta… la vecchia col flit”.
Non flirtare con una scassapalle oramai andata a “puttanona” ché ti taglierà solo i maroni, perché fa bollire le caldarroste, dunque (o)mette le castagne al fuoco… spento e neppur ti g(l)a(s)sa come del morbido, fondente marron glacé.
Dinanzi a questo “dessert” al “tuo” desertico e assiderato, salvati col Cinema di Tim Burton,oasi favolistica anche se sempre “onanistico” dentro storie “rustiche” di freak,
comunque un bel (mi)raggio, seppure al lunar crepuscolo,
in confronto, e in fronte, ai “terroristi”.
Sì, il Cinema di Kathryn Bigelow era vampiristico nei suoi strange days migliori, poi si prese troppo sul serio, vinse bei Oscar grazie al suo “sedere”, eh già…
a sessanta an(n)i è ancora un bel vedere, ma preferivo Point Break alle “adrenaline” di Hurt Locker e compagn(i)a bella.
Beato lo sceneggiatore.

Altro che Zero Dark Thirty, qui abbiamo un Christopher Walken che decolla di fulcro narrativo “centrante” in miracolo del cameo inventato da un Burton davver geniale.
Il fascino di Chris sta nei suoi occhi “alla diaccio”, invece Tim gli arde il viso e lo rende visibile solo atterrente verso la fine di volto incandescente a impaurirci nel (sob)balzare davanti al “brutto” che (ci) piace.

Puro horror (s)mascherato da giallo in costume, in epoca senza Tempo, in leggend’arcana su canini sanguigni del Chris indiavolato, del Depp nostro più amato, una cera bianca e cerulea come la Luna, della Christina più Ricci(oluta) e ambigua, dei paesaggi evocativi in bitorzolute foreste animate, in spaventapasseri ed efebico Ichabod Crane, scienziato un po’ vagabondo, senza macchia dirimpetto al nero… cavaliere errante che a tutti recide il cranio per poi darsela in buio col cavallo…
Non è un racconto di Italo Calvino ma un colpo di “malocchio”, appunto, che fa il culo allo stregone, perché Depp è come me, se ne fotte delle superstizioni, se la fa un po’ sotto però poi ti spezza le ossa. Insomma, ti mostra per il mostro che volevi nascondere.

Questa recensione è galattica, ora andate a festeggiare.

Io, lo zio Fester, ve lo ordino.

Ah, comunque odio Halloween. Non è una nostra festa.
Che sono queste cere “cristiane” pagane?. Meglio, a questo punto, Cher. Oh, sapete la verità? L’ho vista l’altra sera in un programma statunitense.
Cazzo, quelle cosce non sono malvage. Eh no, anche se all’anagrafe è (ri)fatta. In breve “lasso”, il mio cazzo raggiunse un grande share.
Un Depp glielo darei. Tu no?
E allora per te il trucco, mio “tocco”, da Frankenstein.

Ricorda: lascia stare Dracula e anche Wolfman.

Insomma, sono un genio che mette i brividi? Copriti, fuori fa freddo, mi raccomando… “tienilo” al caldo e offrile dei “cantucci”. Quando la pelle “vien” accapponante, lo “zampone” è San Silvestro o nella gatta zuccherante di 31 Ottobre prima di “Ognissanti” e dei defunti…? Nel dubbio, fottitela, affonda. Ficca anche nella cripta, sii lindo nella sigillata.

Oh, mio Dio, sono un Signore gelante.
Ah ah. Molla la crema, è mia.

Come dico io, sembro una zucca vuota, invece ce n’è… di “sale”. E, salivando, anche in ascensore un po’ ubriaca fa più gonna di mio “strudel”.

Lo sleepy hollow sono qui a voi, mie damigelle. Vivo nella penombra, faccio quasi pena, il pene un po’ addormento adorabilmente adombrante, eppur (non) è né lombrosiano né dormiente.
Svegliandosi, va vagliando… e, maculante, non è proprio immacolato.

(Stefano Falotico)

Sleepy Hollow 2 Sleepy Hollow 3 Sleepy Hollow 4 Sleepy Hollow 5 Sleepy Hollow 6 Sleepy Hollow 7 Sleepy Hollow 8 Sleepy Hollow 9

 

“The Departed”, recensione

Ti credi migliore di me, stronzetto?

Ti credi migliore di me, stronzetto?

 

Bene o male? Un casinò

Salve, il mio nome è Henry Hill, non Enrico. Sebbene sia di origini italiane.
Di cognome faccio però Liotta. Suona bene Ray, come primo pseudonimo? Fa tipo Rat Pack, topo e batti le tappe, stappa i tappi e riempi i buchi dei ficcananaso, quali noi siamo, i bravi ragazzi.

Ne avrei da raccontarvene, ma partirei dal basso ove vivo adesso, cioè lo scantinato.
Qui, le bottiglie di vino invecchiano come gli anni migliori, devo solo preoccuparmi dell’allagamento quando piove. Sia mai che spunti qualche spia, detta da me la Piovra.
Non sono un padrinoCoppola romanzò Puzo ma noi, come già avrete annusato, non ambiamo a quella puzza… Non siamo capostipiti di nulla, un po’ clandestini. Ecco, questo sì.
Viviamo quando la Luna scopa le stelle e scivola adrenalinica dentro nostre carrozzerie su impellicciate donne che trattiamo coi “guanti”. Mia moglie, ad esempio, era bella. Ora, è sempre stata una poco di buono ma, da bona, adesso va rabbonita di sberle. Vuole che io mi penti, le implori scusa in ginocchio. Cazzo, era una Lorraine rubacuori e confesserò, per l’amore “tradito” che ci lega, una (in)fedele versione dei fatti.

Da che mi ricordi,
la mia vita era già condannata al patibolo. Sempre a prenderlo, a riceverle. Mi avete visto? Ho occhi fascinosi su carisma tenebroso, d’altezza sopra la media e una risatina beffarda da far tenerezza e quindi farsele tutte. Si sa, coniugo male i verbi ma nello “scioglilingua” poetizzo ogni sen(s)o vitale con “tagliente” romanticismo magnetico. Già, l’attrazione risiede nel sedere, secondo il gentil sesso? Di mio, ho un portamento sensuale, assomiglio a Richard Gere con uno gigolò mafioso nel DNA che scovan da lontano…
Nel cruscotto, c’è sempre la calibro rubata al poliziotto, nel baule qualche cadavere. Me la caverò da tutti gli impacci, ma nessuno può salvarmi dalle donne. Neanche Jack Nicholson.

Doveva andare così, nella merda e nelle polpette di sangue della madre di Pesci. Ma mi piace sguazzarci, era ciò che (non) volevo.

Guardatevi. Siete felici? No, guidate con la station wagon sempre all’erta di non sbandare appena il culo del cartellone pubblicitario, sopra il guardrail, in lingerie intima v’ammicca di stare all’erta se incrocerai il “sinistro” di una guardia forestale col fuoristrada e licenza di “Stop”. Ah, quello ha il fucile, sa come romperti le traveggole, poi ti multa per “rallentamento in prossimità della curva pericolosa”, perché hai rispettato troppo il “rosso” del darle precedenza con airbag dei tuoi coglioni esplosi in manovra azzardata di zigzag fra i pantaloni e cambio di “frizione” in folle… Ricorda: anche la figa più oliante, adora il traffico senza pause imbarazzanti. Altrimenti, inchiodi e si (s)gonfia, caro pallone di cazzo fritto.
Insomma, rispetta il cuscino salvavita e modera la barriera di contenimento.
Rispetta quelli che stanno dietro, non pensare col senno di poi a quel posteriore.
Era solo virtuale, la botta in testa invece è da traumatologico.
Frattura multipla su craniata non preterintenzionale in dritto tua su “dirittura” del frontale.

Ora, Henry Hill è il protagonista di Goodfellas e questa recensione dovrebbe riguardare The Departed.
Qui, Scorsese non ha centrato il “remake” e la polizia ha ammazzato tutti.
Vera Farmiga sa…

Non ho altro da dire.
Se non vi basta, arrestatemi. Credo sia sufficiente questa testimonianza.
Ah, chiedo al giudice solo un favore.
Leo DiCaprio mi sta simpatico, è molto bravo, se però Martin girasse The Irishman con De Niro, Joe e Pacino, rivalutereste in peggio questo The Departed.
Fa ribrezzo rispetto al resto. Stranamento gli avete dato tanti Oscar e pollici su. Ah, dimenticate le ebbrezze dei bei tempi.
Ok, vaffanculo. Per perdonarvi dai vostri errori da avvocati alla Cape Fear, basta questo premio alla penale colpa?
Era prima da glorificare Martin. Dai, dai.

Arrivederci.

(Stefano Falotico)

 

“Army of Darkness”, Review

Io vi spacco il culo!

 

Dalle ombre darkness, l’eroe precipita in trono reale su zigomi foschi

Ash in Raimi “lynchiante” su asce recidenti Necronomicon rimbalzato dalla tomba ischeletrita delle case demoniache. Ash cavalcante un’epoca caotica e oscura, Ash ch’esorcizza l’esercito a suo battagliero adirarsi fiero, dai Ash, senza varechine di limpidi splash, fulminali con luridezza e asciuga le labbra d’una zuccherosa bionda per rabbonirla in pettorale tuo affamato, invocherà clemenza ma “impietoso” sarai “impietrito” di Cuor romantico, ergendoti in brame notturne dallo spiritico tuo teschio carismatico.
Ash il mito, immortalissimo! Duellante spadaccino fra mostri ballerini, che fan ridere anche i becchini, e arpie con i piedi puzzolenti come tua zia. Energico, Ash stritola il suo sangue, lo plasma a Bruce Campbell più amato e, armante, grida guerra inferocente.
Ash il perdente nato, “matto”, il jolly ripescato da qualche cazzo di storia strampalata d’una fiaba nera come le inquadrature “rustiche”, artigianali e dunque artistiche nel lor parossismo secco, come lama azzannante, come sfere di cristallo frantumate di streghe spappolate dall’universale figlio di puttana irresistibile. Dalla battuta sempre pronta, freddura brillante vivida anche se lercio d’indumenti “slabbrati”, abiti fuori moda d’un Cinema anacronistico sempre a me splendente. Riflessi svegli, cari dormiglioni.
Invadete le tangenziali, rallentando il traffico con la vostra fottuta appunto lentezza a cui offro, con parsimonia “antipatica”, l’enfasi di ralenti acceleranti in frizione su volante dentro le traiettorie tortuose d’una mia steadicam nervosa ad alto volume in stereo spaccacrani, highway isterica, rombante e roventissima, deformo le strade a contromano di “sterzarle” in mia anima galoppante.

Qui Sam Raimi tocca apici “fradici” di medioevale titanismo. Capta il senso dell’esistenza, della lotta nostra da “avviliti”, dei mortificati e li spinge alla rivolta avvincente. Infliggendo la sconfitta ai piccolo borghesi, qui incarnati da quest’orda urticante di bruciati vivi. Catapulte, puttanelle, coltelli, truculenza, splatter che ingoia i nemici e li “arrotola” in gore travolgente, con schizzi eleganti di ferocia maledettamente bella.
Questo Ash che se ne fotte delle regole, che manda quel beccamorto di Enrico il Rosso a farselo dar nel culo, poi se n’allea di “tiramenti” empatici, senza pensarci due volte eccolo che infila la lingua in Bridget prima di sfondarla nella “dissolvenza” a cambio di scena su sorriso stronzo stampato in faccia alle palle mosce.

Arriverà il seguito, non vedo l’ora che Ash, del reparto ferramenta, metta a ferro e a fuoco di nuovo questi zombi.

Ash, un incapace, una motosega. Un genio assoluto.

(Stefano Falotico)

 

Woody Allen o Clint Eastwood? Meglio “Ombre e nebbia del revenant”, fra la neve si vede? Secondo me, si gela. Figurato, sfigato o ramificato? FIFA? No, alle sfere preferisco le fighe

Di come mi trasformai nei più grandi del Cinema, (in)compreso Woody Allen ma non raccolsi neanche un Oscar, però un posto nel carro merci: nessuna prima fila, solo i tramonti… del “Monco

La mia è una lunga storia, miei filibustieri. Comincia da quando nacqui ma, all’epoca, il Mondo non esisteva. Fui io a crearlo, un’invenzione bislacca di cui sinceramente mi pento.
Oltre a badar a me stesso, i problemi sono iniziati col sesso. Da allora, le prime scimmie hanno cominciato a imborghesirsi. Con l’evoluzione, alterati nelle spontanee erezioni, si fan ad affidare ora agli psichiatri mut(u)ati alle diagnosi formato “cazzo di cane”.
Gli uomini hanno perso le emozioni sincere, si son disinfettati con tropp’ovatta.
All’uovo di Colombo preferisco chi tromba sodo.
Sì, io non darei una lira a questi, sedan sol per rabbonirti ma ricevon le porcelle grazie alla tua elargita parcella, così mangian a sbafo le bone, a te non resta neppure il resto. Questa è una beffa, buffoni! Non sbavate! Non me la bevo. Lei te lo beve in un bicchiere.
C’è poco da ridersela sotto i baffi.
Sì, ti scarnificano, previo pagarli per le loro puttane (im)pazienti, quindi rimani pelle e ossa. Oltre allo scavo “archeologico” per farti… risalir la china, previo lavaggi mentali di varechine, t’imbarbariscono di rabbia, mantenendo l’esclusiva della visita “urgente”.
Ah sì, prima ti pungono, poi vengon unti dalle più “piagnucolose”. Vicino alle poltroncine, se lo fan “poltrire” con fazzoletto all’occorrenza. Basta con questi monologhi della vagina! Non vaticiniamo! Basta col Vaticano. Evviva il WC!
Serve a pulire le merde

Di mio, posso dire che sono Zelig, conservo ancora una libertaria visione alla Robert Redford e tendo alla malinconia con picchi scroscianti quando nessuna scoscia per me.
Sono o non sono una zebra? Sì, maculato e non juventino.
Fra l’altro, mi sto (dis)umanizzando in Buster Keaton, sembra che sia catalettico, invece emotivamente fremo. Infatti, mi daran questo danno, l’infermità con tanto di sigaro…
La mia vita è falotica… un Clint. Un clic, uno sparo, clisteri, miei pappagalli me la son fumata. Ingozzatevi. Meglio il gargarozzo che sputa il rospo!
Non è irato, credo tiri per il grilletto… Non è disagio, vi massaggio io!

I più grandi film, firmati Eastwood, sulle ingiustizie: Walt Kowalski qui a me incarnato, infatti si parte da Gran Torino… basta con le stronz(at)e. Cazzo! Tuffiamoci in “fredda” vasca! Basta con Vasco. Contro Rossi, uso la svastica!

Arida è l’umanità quando, testarda, non vuol capire, anzi s’ostina con far da caporale.
La classe privilegiata decreta canoni di “normalità” campati per aria.
Chi s’accontenta, gode? Al limite della saturazione, delle sopportazioni. Poi scoppia.
E, chi scopa con troppa prosopopea, vien travolto dalle rivolte.
Talora, infatti, capita che un “taluno” non sia uno qualsiasi. E proprio non ci sta, che gran “testa di cazzo”, una “capra” incaponita, appunto. Ma, se sopra la panca la capra campa, sotto la panca non tutte le “capre” dormono… sempre. Ribaltano i detti e i dittatori. Alle vacanze a Capri, prediligo che sia tu a crepare! Sono imperatore totoiano. Isolato fra le sottane, senza Sole, impietrito e nel culo solidific(c)ato. Miei asini, non ho molto da spartire col vostro Bacco anale. Sono sabbatico, ballo la samba tra la fauna. Ho propensione al lento. Un (i)solista. Quasi surfista. Talvolta, eh già, si (ri)svegliano. E “sbarberanno” chi li “agnellizzò”. Il “bambino” ha sviluppato… lo stesso infrangibile, irto pelo dei “lupacchiotti” e non è uno scout. Scotenna. Che Odissea!
Dio, dove sei? Ulisse che fesso! Tutto per quella penna baciata di rima e telaio?
Si scatenerà il finimondo!
“Svettanti”, codesti bellimbusti martirizzarono, giudicaron di martelletti, martellando sempre sull’additare nella piaga. Inutile infervorarsi per spiegare. Ti piegano alle lor direttive. Non sbraitare, ti sederanno di bavagli. Tacendoti ad altro taglierino. La Legge del Taglione è più loro abusare non prevedendo che, se accoltellasti le anime, un ribelle potrebbe fregarsene del tuo sadismo e “revolverare” d’amplificato boomerang. Sì, soffre di un inguaribile masochismo, quindi non ha nulla da perdere. Anzi, l’aggrada proprio che insistano veementi, che lo “violentino”. Ciò alletta il crimine del (ri)torto. Non vuole sentire ragioni, anche se lo “imprigioneranno”. Preferisce pigiare, anche pigliarlo, piuttosto che farsi addormentare nel “pigiama” di tal osceno costume.
Evviva il nudismo! Che son questi scostumati consumisti col costumino? Siano onesti con noi stessi. Non ci avete steso! Si mostrassero per quel che hanno. Il mio è in tensione!
Perché credo di avere ragione di inutili invenzioni? No, ho ragione, ché è “diverso”. Dunque, sragiono.
E non andavo minato dalla contaminazione. Lui, cioè (D)io, non si fa corrompere, romperà le catene e sveglierà, “lentamente”, le false coscienze dei “paciosi” dormienti. Meglio le vigne, almeno te la svigni.
Non si può addomesticare, ma non mastica risentimento. Non è rancore, è giustizia. Di vino! Basta divinizzarvi! Rizzatelo anche fra i divanetti!
E c’è una profonda “(in)differenza”. Con l’omertà puoi “asso(r)dare” ma la vocina dei colpevoli si sta ingigantendo di colpa torturante. Proporzionata alle angherie dei loro reiterati soprusi, dell’esagerato “spingere”.

Sette film monumentali ove le regole dei bastardi vengono soverchiate titanicamente da chi ha avuto il “pericoloso”, lodabilissimo coraggio di aprire bocca. Ha spalancato le fauci.
E (non) ha tenuto chiuse le pall(ottol)e.
Gli altri registi non c’entrano il bersaglio, molti attori sono io.
Quindi, sono Clint.
E Woody Allen? Vive a Manhattan. Prima o poi verrò alle mani con Woody.
Ma le riceverò.

Gran Torino

“Da manicomio”, da ospizio, un vecchietto rompicazzo, “volgare”, ignorante, della sua fottuta guerra non frega un cazzo ad anima “viva”.
In questo quartiere, sotto la scorza dell’orientale… contemplazione, stanno avvenendo troppe porcate. E questa è una di quelle troppo grosse. Perché non si può perdonare.
Non si deve, è un dovere morale. Il prete prova a dissuadere il nostro “vecchio”.
Non lo fermerà nessuno. A costo d’una missione da kamikaze. Sono cazzi! Miei bulli, al Clint saltan le rotelle!

Debito di sangue

Io potevo sospettare di tutti, tranne di te, sei il mio unico e “migliore” amico…
Adesso, te lo chiedo da signore, potresti cortesemente “voltarti?”.
Mostrami la schiena… mostro.

Mystic River

Ogni parola è superflua.
Una storia talmente incredibile che un libro di Stephen King sembra, a confronto, una barzelletta.

Invictus

Com’è possibile vivere una punizione del genere, protrattasi illimitatamente, e avere una forza sovrumana per reagire e vincere l’impossibile? Nella grandezza, risiede la “generosità” che lascia senza fiato.
Come una meta che si credeva irraggiungibile. Invece, Mandela riscoccante ha scioccato tutti. In questo stupore, il silenzio è d’obbligo.
Non è agiografia o retorica celebrare la stupefacente invincibilità del Cuore.

Million Dollar Baby

Va bene, chiudiamola qui. Mi sembra una straziante sofferenza.
Doveva essere un momento di rinascita. Ringraziamo l’omicida…
Sono Kevorkian, pratico eutanasia. Che Dio ti benedica.

Gli spietati

Torna per ammazzarlo. Non gli sembra il tipo e la provocazione continua.
E chi ha detto al “nostro” che non era… il tipo? Un tizio accanito. Assomiglia molto a mio padre. Se le lega al dito… Poi t’ammazza come un animale. Nel bel mezzo del non te l’aspettavi… pensavi fossi un rincoglionito da tè “inglese?”. I canini! Avete sfregiato una cagna. Non sono una cariatide!

Potere assoluto

Nessuno confesserà. Sei stato l’unico testimone dello scandalo…
E allora lo (in)castrerò. Se non mi credi capace, ti sei sbagliato.
La tua vita, “presidente di che?”, è finita.
Di solito, quando un’ossessione mi fa “male”, la devo curare…
Sai, più passano le stagioni, e più la ferita cresce. Anziché addolcirsi, diventa sempre più forte. E adoro metterti paura. Questa tua paura la voglio.
Mi riconcilia…

 

 

(Stefano Falotico)

 
credit