Twin Peaks, ancora recensiamolo

Non so a che punto siamo arrivati, non tengo conto della sua magnificenza “seriale”, anche perché questo “lavoro” di Lynch assomiglia sempre più al suo desiderio d’incapsulare, “spezzettate”, tante storie in un unico, grande lungometraggio di diciotto ore. La bellezza spaurisce, così come il mondo si rivela in tutto il suo candido splendore nei giochi…

 

Twin Peaks – Deadline Review

Eccola. After all the hype, anticipation and secrecy, Twin Peaks is finally back. But WTF was that premiere that just aired on Showtime all about? With Kyle MacLachlan back as FBI Agent Dale Cooper and more, the first two parts of David Lynch and Mark Frost’s new 18-part installment was weird, sometimes intentionally tedious, and…

 

Vita rurale, magica e cinematografica

In questo “squittio” di bramose carne “affusolate” ai “prepuzi” del “benessere placido”, io sogno il sogno stesso nella mia sconfinata pazzia, almeno così la chiamano perché non m’adatto alla volgarità imperante d’ordini (a)sociali imperativi e crassi. No, rigetto la pasciuta frenesia di questo mondo “viavai”, sempre sul chi va là, improntato alla falsa etica delle…

 

Joy di David O. Russell, Telegraphic(a)mente 5 stellette alla Inland Empire

Che di lynchiano, essendo tale questo mio/nostro/vostro sito, il trailer di Joy (lo) avesse tanto, era fuori discussione. Intanto, le prime reviews americane si stan, come sovente accade per i grandi film, spaccando a metà tra favorable e negativi/e. Ma QUI, non solo estrapolando, ma acchiappando tutto il pezzone, ne van fieri, e non solo…

 

Buon Natale in anticipo, rinascenza di Scrooge in un mio racconto alla A Christmas Carol alla Tom Cruise, detto il topo per le topoline, evviva Topolino e le fav(ol)e Rock and Roll

    Strofa uno   La morte Beviamo qualcosa… Mi dica…, ha paura di morire? No, ormai no. No, non ho paura di morire. Considero la morte come una sorta di necessaria metamorfosi. E forse più la morte è dolorosa più… ecco, la cosa è molto sottile. Vede all’inizio, quando veniamo al mondo, c’è il…

 

Wild at Heart

  di Stefano Falotico   Cuore selvaggio Livida e crespa è l’avventura intrepida di due amanti senza tempo… Una storia di perdizione e rinascita, “ingranata” nel David Lynch furente, scardinante già le “ottiche” percettive con fiammeggianti fotogrammi adamantini a dissolverli, temprarli, arroventarli nella possanza d’un Nic Cage, qui Nicholas, come da poster, risonante l’eccentrico “musicista…

 

Stefano Falotico intervista Federico Frusciante, evento unico, rarità imperdibile

Intervista a Federico Videodrome Frusciante Il nostro Fede, cari fedelissimi e dunque aficionado, esordirà con questa mia intervista a cui Lui, con parsimonia e senso dovizioso del Piacere cinefilo, si “prostrò” nel rispondere a ogni domanda. Il suo stile è inconfondibile, “tutore” d’una videoteca in quel di Livorno, si sfama di celluloide a getto continuo…

 

“Inland Empire”, recensione

Holly-wood I conigli poltriscono beati nella “valle” lacrimosa di Alice, “spogliati” belante e rea (non) confessa della vi(t)a armoniosa, illibata e gioconda… Sono l’Altissimo Signore, fratelli della congrega qui a raccolta in fervido ammirarmi, ché le mire nostre scaglieremo avvelenate dinanzi agl’ignobili, assediando le loro dimore in detronizzante goderne da “folli”. Noi cantiamo al Mondo, oggi inibito…

 

“The Elephant Man”, Review

Il suono invisibile della sensibilità, la spirituale danza “nascosta” Od(i)o, da remote dimore della mia anima, un guaito via via ad ascender d’accensione. Come un Cuore sacro, segregato, squittente tremori mansueti di docili contemplazioni. Dal baglior incendiato della mia più intima lividezza, dall’intimidita cenere tersa del mio sangue frenato, smorzato, ferito… risorgo in auge su…

 
Home Archive for category "David Lynch"
credit